Officina degli studenti

ARTEfatto - Mostra sul falso d'arte contemporanea

A. s. 2008/09

Nel corso dell'a.s. 2007/2008 i docenti di Storia dell'Arte del Liceo attivarono un corso intitolato I Beni Culturali oggi: aspetti giuridici, conservativi e materiali dell'arte. In alcuni incontri pomeridiani venne fornito agli e alle studenti della nostra scuola un primo orientamento rispetto alla nozione di "bene culturale", rivolgendo l'attenzione:

  • all'odierno sviluppo dei musei
  • alla disciplina giuridica degli oggetti artistici in ambito internazionale
  • alle problematiche connesse al falso artistico.
La Gioconda secondo
Duchamp

In particolare la scelta di quest'ultimo tema, analizzato nelle sue oscillazioni tra mimesi stilistica e truffa, voleva introdurre l'iniziativa che idealmente aprì l'a.s. 2008/2009: un'esposizione temporanea di false opere di arte contemporanea, allestita il 24 ottobre 2008 nell'Aula Magna del Liceo e resa possibile grazie al contributo del Nucleo P.T.della Guardia di Finanza di Venezia. I dipinti esposti erano infatti opere contraffatte, sequestrate sul mercato artistico, e dunque di notevole livello tecnico. Attraverso la loro analisi si poté quindi scoprire la qualità e l'inimitabilità dell'autentica opera d'arte contemporanea, troppe volte sottovalutata nei suoi aspetti materiali.

Vennero esposte opere "di" artisti famosi, dagli storici De Chirico, Guidi e Campigli, ai più recenti Vedova, Tancredi e Schifano, tutti grandi nomi delle avanguardie della seconda metà del Novecento. Alcuni dipinti erano stati precedentemente esposti nella mostra Veri, falsi e ritrovati tenutasi nel corso dell'estate presso l'Università Ca' Foscari di Venezia.

Uno dei motivi d'interesse dell'iniziativa consistette nel fatto che a presentare le opere, in veste di guide a disposizione dei visitatori, furono gruppi di studenti del nostro Istituto, coordinati dal professor Umberto Daniele, che avevano approfondito il tema del falso pittorico e i diversi autori contraffatti.

Alcuni/e studenti si erano preparati/e, in particolare, a illustrare la mostra alle classi delle scuole medie che prenotarono la visita. Venne garantita anche la presenza di personale qualificato della Guardia di Finanza, che illustrò al pubblico anche alcuni aspetti legati al mercato artistico e all'illecito. Proprio per la rilevanza del valore didattico e per la qualità dell’impegno profuso dalle classi l'appuntamento registrò una significativa affluenza di visitatori.

Presentazione della mostra in formato .ppt [5,4 MB]

Catalogo della mostra in formato .pdf [1,8 MB]